blognotizie.info 29 Mag 2017


Android 7.0 Nougat disponibile per Nexus 4 (unofficial)

03 Settembre 2016, 04:37 | Alessandra Ragonese

Android 7.0 Nougat disponibile per Nexus 4 (unofficial)

Android 7.0 Nougat disponibile per Nexus 4 (unofficial)

Basterà scegliere quello relativo al modello di Nexus che possedete e flashare lo stesso sul proprio dispositivo, anche in questo caso potrete installare Android 7.0 Nougat sul vostro Nexus senza attendere l'aggiornamento OTA ufficiale. Che sono pochi, almeno per il momento, e con qualche notabile eccezione.

Come detto la lista completa delle novità - molte delle quali abbiamo potuto testarenelle preview - è presente nella pagina del sito Android dedicata a Nougat. Riceveranno l'aggiornamento i modelli Nexus 6, Nexus 5X, Nexus 6P, Nexus 9, Nexus Player, Pixel C e General Mobile 4G (Android One), e tutti i dispositivi che hanno partecipato alla beta del sistema operativo.

Il multitasking. Nougat introduce il multischermo, cioè la possibilità di usare contemporaneamente due app che si dividono il display di smartphone e tablet.

Torino, cuore artificiale salva bimba con un ventricolo
La bimba fortunatamente oggi ha un cuore nuovo, potrà vivere finalmente la vita che un'anima innocente si merita di vivere. Casi simili descritti nella letteratura mondiale sono pochissimi - fanno notare gli esperti - e con pessimi risultati.

Anche la gestione di risposte e notifiche ha risentito positivamente dell'arrivo di Android Nougat: ora sono raggruppate per tipologia di app ed è possibile anche effettuare uno switch veloce tra le applicazioni usate di recente, senza ricercarle nel drawer. Le novità si inseriscono in un piano più ampio, che comprende il lancio di una nuova piattaforma VR chiamata Daydream, integrata nel sistema operativo e pensata per promuovere i contenuti in realtà virtuale. E ci sono anche 72 nuove emoji. Non resta che avere pazienza. Il nome, come sempre, rimanda ai dolci, come da tradizione nei sistemi operativi di Android.

Un cambio di rotta quindi che avvicini gli OEM senza esercitare quel controllo a cui Richard Yu, CEO di Huawei, auspicava di non assistere mai. Purtroppo però, il supporto ad un terminale non è dato esclusivamente da quanto questo sia in grado di far girare bene l'ultima release del suo OS, ma anche dal supporto che può ricevere da parte delle società che realizzano la componentistica, responsabili della creazione di driver aggiornati in grado di assicurare un corretto funzionamento del device, ed una sua completa compatibilità con l'ultimo aggiornamento sulla piazza. Pare, infatti, che l'azienda americana Qualcomm non abbia più intenzione di supportare i processori che i due smartphone montano sotto la scocca (Snapdragon 800 e 801).



Altre Notizie