blognotizie.info 08 Dicembre 2016


Mafia Roma: Zingaretti non risponde

19 Ottobre 2016, 06:27 | Alberto Lambruschi

Mafia Roma: Zingaretti non risponde

Mafia Capitale Micaela Campana del Pd fa arrabbiare la giudice con i suoi ‘non ricordo

"Chiederò io stesso di essere sentito come testimone nel processo per calunnia coseguente alla mia denuncia nei confronti di Salvatore Buzzi". Secondo i legali di Buzzi, è stata Micaela Campana a chiedere favori per la campagna elettorale di Matteo Renzi, fornendo a Buzzi l'iban del Pd.

Non ricorda Micaela Campana. In aula la parlamentare è stata più volte ripresa dalla giudice, infuriata per i troppi "non ricordo". Il Movimento 5 stelle è sul piede di guerra: "La deposizione di Micaela Campana al processo per Mafia Capitale è così imbarazzante e reticente che fa infuriare il giudice". Qual è la verità?"Non ho mai presentato quell'interrogazione e ho chiesto agli uffici della Camera di metterlo nero su bianco". La Campana è tra l'altro l'ex moglie di uno degli imputati, Daniele Ozzimo, già assessore alla Casa della giunta Marino.

Altri messaggi e telefonate testimoniano continue richieste di favori.

C'è anche un trasloco effettuato dai lavoratori della 29 giugno per il cognato fra le le vicende emerse nel corso dell'udienza, in cui la Campana, messa dinnanzi alle intercettazioni, ha palesato evidenti deficit di memoria, inanellando una sfilza di "non ricordo" che hanno indispettito non poco la presidente della X sezione penale Rosanna Ianniello: "Lei è una persona giovane".

Il 20 dicembre 2013, per esempio, "Campana chiama Buzzi e riferisce che a Colli Aniene devono sgomberare un appartamento da alcuni immigrati".

ROMA "Ho conosciuto Buzzi quando sono venuta a Roma". Il 22 gennaio 2014 Emilio Gammuto, collaboratore di Buzzi, riceve invece una richiesta per un trasloco dallo staff di Campana. "Come mai si rivolge così a Buzzi", le chiede il pm Tescaroli. Buzzi, però, stavolta non aiuta la Campana e Mario Ciarla, già vicepresidente dem del consiglio Regionale "perché non vogliono pagare". L'appellativo 'Capo'? "Era solo un modo rispettoso di rivolgersi ad una persona più grande di me". Il 18 ottobre 2013, infine, i carabinieri annotano che Buzzi chiama un uomo e gli dice che non potrà andare all'appuntamento con Campana ma che "lui può andare perché sicuramente (Campana, ndr) vorrà dargli qualche nominativo da assumere". "Di qualcosa sul centro di Castelnuovo di Porto, ma nello specifico non saprei".

Dai contributi elettorali al Pd, per sè e per l'ex marito Daniele Ozzimo, tutti "legittimi", all'incontro organizzato con il viceministro degli Interni Filippo Bubbico di cui "ignoravo l'argomento".

"Come da me preannunciato poche ore dopo la diffusione della notizia della richiesta di archiviazione per Zingaretti, il presidente oggi in aula si è avvalso della facoltà di non rispondere, forse ispirato dalla figuraccia della sua collega Michela Campana".



Altre Notizie