blognotizie.info 08 Dicembre 2016


Bullismo, aggredita davanti a scuola e nessuno la difende: il video shock

19 Ottobre 2016, 08:13 | Amalia Delia

Muravera, ragazza vittima di una bulla: schiaffi e umiliazioni, i compagni ridono

Cagliari umilia e picchia compagna di fronte a branco filmato choc su Fb /Video

Inizia uno scontro verbale, o per meglio dire un lungo monologo della bulla, che si atteggia con gestualità da "capa" cercando di intimidirla e spaventarla, avvalendosi di un tono di voce forte, come se stesse parlando non alla ragazza, ma al suo pubblico adorante.

Il video dell'ennesimo episodio di bullismo è finito ieri sera su internet facendo in poche ore oltre un milione di visualizzazioni e scatenando l'indignazione degli utenti.

Schiaffi e insulti di una bulla a una ragazzina indifesa a Muravera, a poca distanza dall'istituto alberghiero. Numeri destinati a crescere se una ragazza non avesse segnalato il filmato per cercare di evitare che l'umiliazione si amplificasse ulteriormente: "Rimango veramente allibita dall'ignoranza di certi elementi che sfortunatamente nel 2016 esistono ancora - si legge nel commento - Certi avvenimenti dovrebbero essere immediatamente segnalati al fine di tutelare i diritti della ragazza". "La 'bulla' ha avuto la necessità di alzare le mani".

All'origine dell'aggressione ci sarebbe una fotografia che la ritrae, forse pubblicata su qualche social o diffusa in chat.

La "protagonista" del video oltre ad aver picchiato la ragazzina l'ha minacciata pesantemente. "Non voglio nemmeno i carabinieri in mezzo, che giuro che vengo a casa tua e ti ammazzo, nel vero senso della parola", dice la prima mentre la vittima subisce senza fiatare. "In ginocchio!" La ragazza con la felpa rosa, non si inginocchia, ma chiede scusa ugualmente, assecondando l'altra.

Il video termina con la vittima dell'aggressione che si allontana mentre altri ragazzi la seguono insultandola e deridendola.

Tra i tanti commenti al video qualcuno su Facebook ha già annunciato che lo porterà alle forze dell'ordine affinché vengano presi provvedimenti, altri dicono che lo faranno vedere al preside della scuola per sospendere la 'bulletta'. Ha bisogno di sentirsi rispettato, ma non sa distinguere tra rispetto e paura, può venire da un ambiente domestico disfunzionale, è emotivamente immaturo, non accetta responsabilità, pensa che sia divertente dare il tormento ai compagni fisicamente più deboli. I carabinieri della Compagnia di San Vito hanno acquisito il video dell'episodio di bullismo dopo aver consultato la Procura per i minorenni. Nella serata di martedì si era diffusa anche la notizia della scomparsa della ragazzina picchiata, ma è stata subito smentita.



Altre Notizie