blognotizie.info 08 Dicembre 2016


Nadia Arcudi, maestra trovata morta nei boschi: arrestato il cognato

19 Ottobre 2016, 11:27 | Amalia D'elia

Maestra trovata morta nel bosco. Nadia: tutta casa, fidanzato e scuola

Donna trovata morta nei boschi del Comasco: forse è omicidio

Il ritrovamento del corpo, reso possibile anche dall'allarme immediato che le colleghe della giovane insegnante avevano dato ai carabinieri non vedendola arrivare a scuola e non riuscendo a contattarla, i carabinieri hanno sottoposto a fermo di polizia giudiziaria una persona sospettata del delitto di Nadia Arcudi, di origini svizzere ma residente da tempo a Stabio dove lavorava.

Il presunto omicida è arrivato al valico italo svizzero del Gaggiolo, vicino al luogo del ritrovamento del cadavere. Il cadavere della donna si trovava in una roggia, semispolto dalla vegetazione e poco distante dal corso d'acqua. Noi e i carabinieri di Como. Il provvedimento è scattato dopo le indagini della polizia e della magistratura elvetica, in stretta collaborazione con i carabinieri del comando provinciale di Como. Secondo quanto riferito dagli investigatori il fermato avrebbe fatto parziali ammissioni.

Il giallo sulle cause della morte della donna per ora non è stato risolto: l'autopsia effettuata oggi a Como ha confermato l'assenza di ferite o lesioni che possono avere provocato il decesso, che dovrebbe risalire a venerdì sera. All'uomo gli investigatori ticinesi sono giunti attraverso i tabulati telefonici che lo localizzavano in Italia. "Quando siamo arrivati a bordo strada per girare i cavalli e rientrare al maneggio, guardando giù dalla scarpata mi sono accorta che c'era una persona, anche se a prima vista, dall'alto, a Luca sembrava un manichino". Secondo i militari la donna è stata uccisa in un luogo chiuso, dal momento che è stata ritrovata senza giacca e scarpe.



Altre Notizie