blognotizie.info 26 Mag 2017


Perego sulla chiusura di Parliamone sabato: "Mi hanno messa in mezzo"

23 Marzo 2017, 12:34 | Alberto Lambruschi

Paola Perego contro i vertici di Raiuno: “Il tema delle donne dell'est era stato approvato, mi cassarono invece il ...

Bufera #ParliamoneSabato: @PeregoPaola In Lacrime Attacca I Dirigenti #Rai1: “Tema Era Approvato” – Televisione

"Sono disorientata. Hanno usato me, forse ho un marito scomodo (Lucio Presta, ndr)!".

Ma subito si passa alla cronaca dei fatti, cioè la descrizione del "patto elettorale" che ha visto protagonista l'ex capogruppo del Patt Lorenzo Baratter, il capo degli Schützen Paolo Dalprà e il vicecomandante Giuseppe Corona. "Non sono quella persona che stanno descrivendo è qualcosa di molto più grande di me". E che - tra i pochi che ne hanno preso le parti - è stata difesa dal Codacons, notoriamente pronto a bacchettare senza pietà. Poi un affondo: "C'è gente che ha bestemmiato in diretta, che ha intervistato il figlio di Totò Riina facendogli gli onori di casa e simili". Polveroni e polemiche, certo. Sono anche preoccupata per tutte quelle persone che lavoravano con me, che in quel programma avevano messo anima e corpo e che ora sono senza lavoro. "Ancora non mi rendo conto di quello che sta accadendo". È tutto troppo. È tutto troppo surreale. Non riesco a capire bene cosa sia questa violenza contro di me. "Guadagnano due lire ed ora veramente avranno problemi a pagare l'affitto, perché non è che gli stipendi Rai proprio ti permettono di navigare nell'oro". Con le debite eccezioni. E riferendosi alla scheda sulle donne dell'est: "Era un gioco". "Io non soffro di dietrologia - continua - ma sinceramente continuo a chiedermi se c' è altro dietro questa censura immediata e forte".

Uomini e Donne anticipazioni: registrazione del 23 marzo 2017
Per Luca e Soleil escursione in barca, durante la quale continuano le tenerezze e scatta un bacio. Oggi, 22 marzo, si sono registrate le nuove puntate del Trono Classico di Uomini e Donne.

Sconvolta, ferita. La voce che trema, poi le lacrime. "Gli argomenti in Rai - spiega - vengono approvati prima di essere messi in onda". Dal capostruttura, dal direttore di rete. Mi hanno approvato questo argomento e mi hanno cassato il femminicidio perché non volevano che ne parlassimo: "non era con la linea editoriale".

Perego è entrata in aperta polemica coi vertici Rai: "Loro si sono dissociati da una cosa che avevano approvato". "Non c'è reato, non c'è il reato", sostiene. Pure il dibattito in studio è stato mediocre ma non più di tanti, tantissimi altri. E chiedendo scusa per conto del suo ospite veronese: "Mi vorrei scusare per la dichiarazione di Fabio Testi". Non manca una stoccata a Laura Boldrini, che è stata molto dura col programma: "Quando la signora Boldrini ancora non era in politica e faceva televisione, io già lottavo per i diritti delle donne". Possibilità che qualcuno possa ridimensionare le accuse? Ecco. Ma c'è da giurare, al di là di un'ipotetica e assai improbabile retromarcia, che difficilmente la faccenda si chiuderà sprangando la trasmissione.



Altre Notizie