blognotizie.info 22 Mag 2017


La Repubblica Ceca lascia il cambio fisso con l'euro

11 Aprile 2017, 03:13 | Agostino Fabbiani

La Repubblica Ceca ha deciso di non mantenere più il cambio fisso della corona con l'euro, che equivaleva a 27 corone per un euro.

La Banca nazionale ceca ha infatti deciso di sganciare il tasso di riferimento di 27 corone ceche per euro. Un rapporto che però negli ultimi tempi stava andando in crisi, a causa della speculazione internazionale. Ma per la Banca centrale di Praga mantenere il tasso fisso era diventato costoso. I fondi hedge, in genere di carattere speculativo, hanno scommesso 65 miliardi di dollari su una rivalutazione della divisa cèca, costringendo la Banca nazionale di Praga a interventi sui mercati. A ciò si deve aggiungere che in autunno si vota e il premier socialdemocratico Bohuslav Sobotka vuole presentarsi in una posizione di forza che contempla, dunque, una posizione critica nei confronti dell'Ue. Le turbolenze sul bilancio pubblico e la perdita di valore delle riserve ceche in valute forti hanno fatto il resto nello spingere Praga verso questa decisione. La sospensione avrà come conseguenza che il tasso di cambio si sposterà a seconda della domanda e offerta sul mercato.

La Repubblica Ceca sgancia la corona dall'euro.

Taranto, tredici arresti per spaccio di droga
Un vero e proprio blitz quello che operato dai carabinieri che hanno arrestato ben 13 spacciatori a Taranto . Sono stati trovati in possesso di 350 grammi di marijuana e di 20 grammi di hashish.

Nuova preoccupante breccia per la moneta unica e per l'Unione Europea.

Lo scorso anno, prima del voto sulla Brexit del 23 giugno, Tomas Prouza, segretario agli Affari Ue della Repubblica Ceca, aveva avvertito che se Londra avesse detto addio a Bruxelles, altrettanto avrebbe potuto fare Praga, in quanto una eventuale decisione in tale senso sarebbe apparsa "molto più accettabile da un punto di vista politico".

In realtà le ragioni che stanno dietro lo sganciamento ceco dall'euro sono ben altre e di natura non solo economica. La temuta gelata dei prezzi è inoltre un ricordo: l'inflazione ora viaggia al 2,5%, e Praga potrebbe essere indotta a prendere in considerazione, nei prossimi mesi, l'idea di alzare i tassi.



Altre Notizie