blognotizie.info 30 Aprile 2017


"L'uso scorretto del cellulare causa tumore" Sentenza storica del tribunale di Ivrea

20 Aprile 2017, 03:10 | Alberto Lambruschi

"L'uso scorretto del cellulare causa tumore" Sentenza storica del tribunale di Ivrea

Per la prima volta viene dunque riconosciuta una correlazione tra l'uso scorretto del telefonino e lo sviluppo di un tumore al cervello. Lo afferma Roberto Romeo, dipendente di una grande azienda italiana di 57 anni, a cui il Tribunale di Ivrea ha riconosciuto una rendita vitalizia da malattia professionale accogliendo il ricorso dei suoi legali. Così gli avvocati torinesi Renato Ambrosio e Stefano Bertone hanno illustrato la sentenza emessa lo scorso 30 marzo dal giudice tribunale di Ivrea Luca Fadda.

Sulle pagine di Repubblica, l'avvocato Renato Ambrosio spiega: "abbiamo avuto difficoltà sul profilo medico e scientifico perché ci è stato detto che non c'erano prove che potesse creare un tumore, ma è stato detto che non si poteva anche dire il contrario".

Amici anticipazioni, nella quinta puntata del serale Emma e Stefano balleranno insieme
Ad oggi i due ragazzi sembrano molto amici , ma un'indiscrezione della quinta puntata di Amici fa pensare che ci possa essere qualcosa in più.

Il caso riguarda un 57enne, dipendente Telecom, colpito da neurinoma dopo aver utilizzato per 15 anni il cellulare per più di tre ore al giorno e senza protezioni.

L'effetto cancerogeno delle onde elettromagnetiche del telefonino era già stato riconosciuto sin dal 2011 dalla Iarc che aveva inserito questo dispositivo nella categoria 2b. "Speriamo - ha dichiarato l'avvocato Stefano Bertone - che la sentenza spinga a una campagna di sensibilizzazione, che in Italia non c'è ancora". La sentenza che fa scuola arriva dal tribunale di Ivrea. E' importante che i bambini e le donne in gravidanza non usino il cellulare. Ero obbligato a utilizzare sempre il cellulare per parlare con i collaboratori e per organizzare il lavoro. Poi ho iniziato ad avere la continua sensazione di orecchie tappate, di disturbi all'udito. "Per quindici anni ho lavorato quattro ore al giorno con il telefono cellulare - racconta Roberto Romeo - Non voglio demonizzare il cellulare, ma voglio che ne venga fatto uso consapevole. Ho subito l'asportazione del nervo acustico e oggi non sento più dall'orecchio destro".



Altre Notizie