blognotizie.info 26 Aprile 2017


Asteroide gigante e molto luminoso passerà vicino la Terra oggi

20 Aprile 2017, 04:15 | Amalia Delia

L'asteroide più grande degli ultimi 13 anni si avvicina alla Terra

Asteroide 2014 J025 sfiorerà la Terra il 19 aprile: nessun rischio ma massima prudenza

Si tratta dell'asteroide 2014 JO25, appena passato (in piena sicurezza) a 1,8 milioni di chilometri dalla Terra, che vediamo qui nelle immagini raccolte dal radar del Goldstone Solar System della Nasa, nel deserto della California, lo scorso 18 aprile, quando ancora si trovava a più o meno 3 milioni di chilometri. Sin dall'inizio, gli scienziati della NASA avevano assicurato che non ci sarebbe stata alcuna possibilità di un impatto.

L'asteroide è stato scoperto nel maggio del 2014 ed è stato ribattezzato per l'appunto "2014 J025". Le stime sulle dimensioni dell'asteroide J025 sono comprese in un intervallo tra i 600 e i 1.400 metri di larghezza. Se il meteo lo permetterà è una osservazione da non perdere, ha rilevato l'astrofisico: "Si potrà apprezzare il rapido movimento tra le stelle di questo corpo celeste mentre sfreccia alla velocità relativa alla Terra di 33 chilometri al secondo". Altri progetti simili poi permettono di avere un occhio nel cielo a 360° come: Spaceguard Centre (Osservatorio Nazionale Inglese),LINEAR (MIT) e CNEOS (del Jet Propulsion Lab).

Le misure effettuate dai ricercatori indicano che l'asteroide ha un diametro di circa 650 metri e che la sua superficie è circa due volte più riflettente di quella della Luna.

Iniesta ha la ricetta per la remuntada
Continuo a credere che il Barcellona abbia il potenziale necessario per segnare e passare il turno. Ma abbiamo i giocatori che ci permettono di non considerare chiusa l'eliminatoria.

Piccoli asteroidi passano vicino alla Terra diverse volte alla settimana.

Ci siamo: stasera dopo il tramonto - tempo permettendo - basterà mettersi col naso all'insù e avere a portata di mano un binocolo per poter assistere al passaggio ravvicinato di 2014 JO25, il maxi asteroide che sfiora la terra. Per questo le stime sul suo percorso dovrebbero essere molto precise. "Conosciamo il momento in cui l'oggetto raggiungerà la distanza minima con un errore di pochi secondi - ha detto Davide Farnocchia, matematico del programma Near-Earth Object della Nasa - e la distanza è nota all'interno di centinaia di chilometri".



Altre Notizie