blognotizie.info 22 Giugno 2017


Juventus, Bonucci: "Chiellini non mi ha ripreso, ci schiaffeggiamo spesso"

20 Aprile 2017, 09:32 | Agostino Fabbiani

Una impresa maturata allo Stadium e concretizzatasi al Camp Nou. La Juve può vincere la Champions?

In un suo video, prima dei sorteggi dei Quarti, aveva detto: 'Se becchiamo il Barcellona, lo facciamo fuori'. Ad oggi, è aumentata la consapevolezza in noi stessi: sappiamo che per fare grandi risultati serve una grande fase difensiva alternata ad una fase offensiva con grande cinismo e lucidità da parte degli attaccanti. "CR7 insieme a Messi è il migliore al mondo, Mbappè una grande sorpresa, sarà uno dei migliori tra qualche anno".

Corea del Nord, Usa: Stiamo valutando una serie di opzioni
E il presidente Donald Trump ribadisce di sperare in una soluzione pacifica ma ammonisce: "Devono comportarsi bene". E, in particolare, di quelli che sembrerebbero nuovi missili a lungo raggio.

Quanto all'obiettivo Champions, Bonucci ha le idee chiare: "Ci sono chances importanti per poter arrivare a Cardiff ed alzare questa coppa, però ora è tutto un gioco mentale, bisogna rimanere coi piedi per terra senza farci trascinare dall'esaltazione ma rimanere compatti e, come ci siamo detti ieri sera nello spogliatoio, restare con la testa 'nel carroarmato' e andare avanti". "Griezmann è invece un calciatore straordinario, che riesce sempre a fare la differenza grazie ai miglioramenti costanti sotto la guida di Simeone". Solidi in difesa, cinici in attacco e sui calci piazzati: "è il segreto della Juve per ambire al triplete".

Grande parte del lavoro nella retroguardia è spettato - ovviamente - a Bonucci. Chiellini lo ha richiamato all'attenzione. Triplete sogno possibile: "Siamo in corsa su tutti i tre obiettivi è una questione di mentalità e concentrazione". Bonucci poismentisce che Chiellini lo abbia rimproverato per aver chiestola maglia di Messi: "Ci tenevo - spiega - a portare la magliettadi Messi nella mia collezione privata, farà piacere a mio figlioLorenzo, che è un amante del calcio". Durante la gara più volte ci siamo toccati, abbracciati, incitati, schiaffeggiati per tenere alta la pressione... in quel momento mi ha semplicemente dato un cazzotto per caricarmi, perché avevamo preso una punizione a favore allo scadere.



Altre Notizie