blognotizie.info 22 Giugno 2017


Tap:rimossi ulivi:Tar,no ricorso Regione

21 Aprile 2017, 12:49 | Amalia D'elia

Tap: militarizzato il cantiere del gasdotto, circondato il presidio

Gasdotto, arriva l'accordo: lavori sospesi fino a ottobre

Dopo l'udienza di ieri, i giudici della terza sezione hanno trattenuto il ricorso della Regione Puglia per la decisione di merito. Il ministero dell'Ambiente guidato da Gian Luca Galletti aveva precisato che la prescrizione era invece "ottemperata e l'espianto autorizzato", sottolinenado la "competenza finale esclusiva" in materia di Valutazione di impatto ambientale in capo al ministero dell'Ambiente.

M5S: "Tar Lazio conferma le enormi responsabilità della Regione Puglia" - "La sentenza del TAR Lazio conferma purtroppo ciò che già avevamo compreso da tempo: le responsabilità della Regione Puglia sull'avanzamento del progetto TAP sono enormi" lo dichiara il consigliere regionale salentino del M5S Antonio Trevisi che prosegue: "Basta leggere le motivazioni della odierna sentenza del TAR Lazio per capire che la Regione Puglia sta conducendo, dai tempi di Vendola fino ad oggi, solo una finta guerra contro il gasdotto TAP". "Andremo avanti perché crediamo fermamente che sia ingiusto che la Tap approdi in una delle spiagge più belle d'Europa e che si debbano costruire chilometri di gasdotto sotto il maggiore giardino di ulivi d'Italia". Il ricorso presentato dall'avvocato Mariano Alterio era fondato sulla convinzione che Tap non avesse ottemperato alla prescrizione A44 della Valutazione di impatto ambientale, relativa proprio alle modalità di espianto degli alberi. E sebbene la Regione Puglia sia indicata nel decreto "come Ente vigilante, non può escludersi che il Ministero dell'Ambiente, della tutela del territorio e del Mare - riporta l'atto - rimanga titolare di una facoltà di controllo, in ordine al rispetto di quanto previsto nel decreto Via".

Furia Bayern contro Kassai, interviene la polizia
Ovviamente la presenza di Lewandowski ci aiuterà, ma non cambieremo strategia, giocheremo come abbiamo fatto tutto l'anno. Non c'è molto da aggiungere, se non un gigantesco 'divertitevi'! Il Bayern Monaco , invece, non potrà risparmiarsi.

Niente annullamento delle note del Ministero dell'Ambiente che autorizzava il Tap all'espianto degli ulivi nell'aera del gasdotto. Infatti su 221 ulivi interessati, 157 piante "sono già state correttamente reimpiantate nell'area di stoccaggio", 11 sono "provvisoriamente alloggiate e già messe in sicurezza in un'area diversa", 31 "sono già state espiantate e risultano posate a terra", 12, infine, "sono state "zollate" e potrebbero essere ribaltate a terra dall'azione del vento dato che il loro apparato radicale è stato ormai disconnesso dal terreno".



Altre Notizie