blognotizie.info 26 Aprile 2017


Turchia, la delegazione consolare incontra Gabriele Del Grande

21 Aprile 2017, 07:02 | Amalia D'elia

Estero Cosa è successo a Gabriele Del Grande e perché è ancora in Turchia

Estero		
		Cosa è successo a Gabriele Del Grande e perché è ancora in Turchia

"Non c'è nessun impedimento giuridico al rimpatrio, è un provvedimento punitivo". "Il direttore del centro non ha nessuna informazione riguardo a una sua possibile espulsione".

Il colloquio si è svolto nel centro di detenzione amministrativa di Mugla, sulla costa egea della Turchia, dove è trattenuto il giornalista e blogger toscano, fermato il 9 aprile al confine con la Siria.

Alexandra D'Onofrio, compagna di Gabriele Del Grande, annuncia a RaiNews che il documentarista trattenuto da giorni in Turchia potrebbe essere liberato a breve.

Manchester United-Anderlecht: probabili formazioni, pronostico e quote
Manchester United (4-2-3-1): Romero; Valencia, Bailly, Rojo, Shaw; Carrick, Pogba; Lingard, Mkhitaryan , Rashford; Ibrahimovic . Nelle quote Snai, dunque, l'"1" è nettamente favorito, a 1,25, mentre per pareggio e segno "2" l'offerta balza a 6,00 e 12,00.

L'incontro è stato confermato anche dal senatore Luigi Manconi, presidente della Commissione per la tutela dei diritti umani. A spingere per la sua liberazione è stato ieri anche il capo del governo, Paolo Gentiloni, spiegando di seguire il dossier con la Farnesina.

"Abbiamo ottimi rapporti tra l'Italia e la Turchia, quindi sono convinto che non ci sia l'interesse di nessuno a turbare questi rapporti". "Peggio, non è stato comunicato alle autorità italiane il fatto che non fosse più laddove si trovava cinque giorni fa". Lo ha detto all'Ansa l'avvocato turco di Gabriele Del Grande, Taner Kilic, dopo averlo incontrato. "In quanto Rappresentanza in Italia della Repubblica di Turchia, - si legge in una nota dell'ambasciata - in collaborazione con le autorità italiane ci stiamo impegnando intensamente e sinceramente, con il desiderio che la situazione delicata formatasi intorno al cittadino italiano Gabriele Del Grande, da qualche giorno in custodia della polizia in Turchia, possa essere rapidamente superata, tenendo in considerazione i forti e amichevoli legami tra i due Paesi alleati come la Turchia e l'Italia". "Questo sta già accadendo in modo discreto ma spero produttivo", aggiunge Lady Pesc. È chiuso in una cella, ogni giorno viene interrogato e gli è impedito di parlare con l'esterno. "Ankara rispetti la libertà di stampa se vuol far parte dell'Ue", l'avvertimento del presidente dell'Europarlamento Tajani. "Questo ci sembra un fatto abbastanza grave". Iniziative di solidarietà si sono svolte anche oggi da Bolzano a Palermo, mentre sul web la catena di amici e sostenitori di Del Grande continua a promuovere la campagna per il suo rilascio con l'hastagh #iostocongabriele.



Altre Notizie