blognotizie.info 22 Mag 2017


'Trump a Comey, stop indagini su Flynn'

19 Mag 2017, 05:33 | Amalia D'elia

'Trump a Comey, stop indagini su Flynn'

20170517_071926_9207FF93

Diventa sempre più probabile la richiesta di impeachment per Trump. James Comey aveva risposto rivendicando l'indipendenza politica del suo ruolo.

A difendere Trump è arrivato il Cremlino. Michael Flynn aveva rassegnato le dimissioni solamente tre settimane dopo avere assunto l'incarico.

-La rivelazione di segreti a Russia Nel frattempo un articolo del Washington Post di lunedì sostiene che Donald Trump abbia rivelato segreti di intelligence nel corso dell'incontro con il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov. A guidarla sarà la figura terza dell'ex capo dell'Fbi, Robert Mueller, nominato dal ministero della Giustizia. Trump si aspettava che la sua ultima conversazione con il direttore del Fbi sarebbe rimasta riservata. Così facendo erano finite nella trascrizione ufficiale del meeting.

Ma Trump no, non ha negato. Ecco quello che sappiamo finora.

Si potrebbe dire che la situazione è "grave ma non seria", se non fosse che i costi si cominciano a sentire visto che per la prima volta dall'insediamento della nuova amministrazione, Wall Street registra una brusca caduta che ha trascinato il dollaro ai minimi. Storicamente come hanno reagito i mercati quando un presidente degli Stati Uniti è stato sottoposto a impeachment?

Il Russiagate mette di nuovo nei guai Donald Trump. Nonostante questo, sulla stampa liberal si sono fatti subito paragoni con il caso Watergate, trascurando il fatto che Richard Nixon nel 1972 si rese realmente responsabile di un "comportamento criminale" quando autorizzò un gruppo di esiliati cubani al comando di un ex agente della CIA a penetrare illegalmente nei locali dell'albergo che ha poi dato il nome alla scandalo, dov'era il comitato elettorale democratico, per piazzare delle microspie. Nella storia Usa solo due presidenti sono stati sottoposti a impeachment Andrew Johnson nel 1868 e Bill Clinton nel 1998.

Griezmann: "Pallone d'Oro a Buffon"
Scudetto? Non credo ci siano possibilità, ma poi se non dovesse vincerlo la Juve , l'avrebbe meritato il Napoli e non la Roma. Infine l'attaccante francese si è lanciato anche nel commentare una voce di mercato: "Cosa penso di Edinson Cavani? ".

A difesa del Tycoon è sceso in campo Vladimir Putin.

Il caso Russiagate, potrebbe spingere il presidente Trump a lasciare il proprio incarica. Uno di quei capi d'imputazione che ritornano nei precedenti casi di impeachment ai danni di ex presidenti a stelle e strisce.

Nessun altro sta difendendo Trump.

Per il momento regge, benchè con qualche cautela, il sostegno dei due massimi esponenti repubblicani alla Camera e al Senato. "E' simile ad un rinvio a giudizio ma non del tutto". Se Trump ha ritenuto opportuno riferire determinate informazioni in suo possesso ai russi, non può certo averlo fatto per ingenuità o perché sprovveduto. "Non vedo l'ora che questa vicenda si chiuda velocemente", ha detto Trump riferendosi alle indagini sul Russiagate.

Altri repubblicani invece sono arrivati al punto in cui non riescono più a giustificare l'appoggio a Trump. Secondo il New York Times, il presidente degli Stati Uniti avrebbe tentato di insabbiare l'inchiesta sui contatti fra la Russia e il consigliere alla sicurezza generale Flynn, poi licenziato proprio per aver mentito in merito a quei rapporti. Ha lavorato per 12 anni come avvocato federale e poi 9 anni nel settore privato, prima di diventare assistente del ministro di Giustizia nel 1989, assumendo la guida della divisione criminale l'anno successivo.



Altre Notizie