blognotizie.info 26 Mag 2017


Giappone, Akihito decide di abdicare. Mako rinuncia ai privilegi per amore

19 Mag 2017, 10:36 | Alberto Lambruschi

Rinuncia al trono per sposare un ragazzo conosciuto al ristorante

20170517_140428_549A5C25

ASIA-Ribelle per amore: è così che si potrebbe riassumere la decisione della principessa Mako, 25 anni, che ha deciso di sposare un ex compagno di studi dell'International Christian University. Si sono conosciuti 5 anni fa, tramite amici comuni, in un ristorante e hanno frequentato insieme l'Università di Tokyo. Quella in corso è la Heisei che significa "pace ovunque" e ha avuto inizio l'8 gennaio 1989 quando Akihito è salito al trono. In Giappone la famiglia imperiale ha uno status diverso da quello dei comuni cittadini, nonostante la rinuncia del titolo divino da parte dell'imperatore Akihito, il primo dopo il padre Hirohito a non fregiarsene. Tuttavia sono 200 anni precisi che nessun imperatore abdicava: l'ultimo fu Kokaku, nel 1817.

Chi lo conosce lo descrive come una persona dall'animo gentile e dal carattere riservato, con un portamento che già da adolescente appariva 'principesco'. È stato allevato dalla madre e dal nonno a Yokohama.

Incidente Hayden, l'ultimo drammatico bollettino
Sul posto il 118, l'ambulanza e l'auto medicalizzata: Hayden e' in prognosi riservata all'ospedale 'Infermi' di Rimini . Il suo sguardo di supporto dentro il casco - conclude - è uno dei pochi ricordi positivi che ho di quel giorno.

Le prossime settimane vedranno l'espletarsi di una serie di riti tradizionali della casa reale, a partire dalla prima visita di un messaggero del futuro sposo, che consegnerà dei regali nella sede del palazzo imperiale e successivamente annuncerà la data del matrimonio seguendo un cerimoniale prestabilito. Secondo le regole della monarchia più antica del mondo alle donne è proibita l'ascesa al Trono del Crisantemo dalla fine del XIX secolo. Quando l'unica figlia dell'imperatore Akihito, Sayako Kuroda, decise di sposare un cittadino comune nel 2005, lo Stato le versò circa 150 milioni di yen, l'equivalente di 1,8 milioni di euro. Il suo nome cambierà da "Sua altezza principessa imperiale Mako di Akishino" a "Signora Mako Komuro".



Altre Notizie