blognotizie.info 26 Mag 2017


Blitz anti-corruzione a Trapani, tra arrestati anche candidato sindaco

19 Mag 2017, 02:57 | Amalia D'elia

Arrestato deputato regionale e candidato sindaco di Trapani. Coinvolto anche figlio del patron del Trapani calcio

Trapani, arrestati per corruzione il

I carabinieri di Palermo e Trapani hanno tratto in arresto, per i reati di corruzione e altro, l'armatore Ettore Morace, il deputato regionale Girolamo Fazio e il funzionario della Regione Siciliana Giuseppe Montalto. Un soggetto "accorto, sottile e prudente", così ebbe dire nella requisitoria il pm Paolo Guido, che adesso assieme al procuratore capo Lo Voi, all'aggiunto Petralia e all'altro pm Padova, ha firmato la richiesta di sorveglianza speciale. Pochi giorni fa una polemica a metà tra il calcio e la politica: il Trapani gioca in casa una delle partite decisive per la salvezza in Serie B e Fazio, poco prima dell'incontro, fa un giro di campo insieme con Ettore e Vittorio Morace. Dal 2011 al 2015 è stato presidente e amministratore delegato della Compagnia italiana di navigazione (Cin), la società che ha rilevato la ex Tirrenia.

La famiglia di Morace è da sempre vicina a quella del candidato sindaco di Trapani.

CAOS POLITICO - Fazio, imprenditore del settore vinicolo, è stato sindaco di Trapani fino al 2012.

La magia di un nuovo stadio e dei risultati delle partite
Ecco perché, tutti i progetti correlati ai nuovi stadi, significano inizialmente un'ottima base finanziaria per i club. Gli investitori, che mettono soldi nei loro club, certamente richiederanno grandi risultati e un ritorno economico.

Oltre a D'Alì (Forza Italia, Psi, Per la grande città) e Fazio (Lista per Fazio, Uniti per il futuro, Progetto per Trapani, Trapani tua, Io ci sono), in lizza ci sono altre tre candidati: Marcello Maltese (Movimento 5 Stelle), Giuseppe Marascia (Città a misura d'uomo) e Piero Savona (Pd, Cittadini per Trapani, Trapani svegliati). Il Tribunale di Trapani, sulla vicenda, però, si è già espressa favorevolmente a Fazio e pertanto non c'erano ostacoli alla sua candidatura.

Una piccola frazione di mille abitanti a una manciata di chilometri da Trapani: Monte Erice sullo sfondo e le pale eoliche che popolano uno scenario in cui si mischiano vigneti e distese di grano. L'assessorato alle Infrastrutture è l'ente che ha bandito le gare sul trasporto marittimo con le isole minori. Una sorta di monopolio, spinse Davide Mattiello, componente della Commissione parlamentare antimafia, a presentare un'interrogazione al governo rimasta ancora senza risposta. La società Ustica Lines è balzata agli onori della cronaca un paio di anni addietro quando Vittorio Morace fermò i traghetti e minacciò di licenziare i dipendenti, perché, a seguito di un contenzioso contrattuale con la Regione, l'Ente non aveva elargito i contributi.



Altre Notizie