blognotizie.info 23 Mag 2017


Fincantieri: via libera definitivo all'acquisto di STX France

19 Mag 2017, 05:31 | Agostino Fabbiani

Fincantieri, è fatta: 79,5 milioni per i cantieri Saint Nazaire

Fincantieri acquisisce la maggioranza di Stx France

Fincantieri ha firmato l'accordo per l'acquisizione del 66,66% del capitale di Stx France dal suo attuale azionista STX Europe.

Circa 79,5 milioni di euro che la società pagherà tramite le risorse finanziarie già disponibili.

Intanto, proseguono le negoziazioni tra Fincantieri e lo Stato francese per finalizzare gli accordi di governance tra i futuri azionisti di Stx France.

Anche se si tratta di un'acquisizione relativamente contenuta, Stx France potrebbe rivelarsi strategica dato che il gruppo francese è un operatore globale nel comparto navale che nel 2016 ha generato ricavi per quasi 1,4 miliardi.

Con questa operazione nasce un leader globale in tutti i settori ad alta tecnologia della navalmeccanica.

OnePlus e DxO unite per fotocamere sempre migliori e di qualità
E "trovare il partner giusto", spiega la stessa OnePlus , "è uno dei modi più veloci per portare le cose ad un livello più alto". Il nostro motto Never Settle incarna la convinzione che dobbiamo lavorare duramente per migliorare ogni passo lungo la strada.

Eventuali modifiche alle previsioni del Piano Industriale 2016-2020 di Fincantieri saranno valutate e comunicate alla luce del perfezionamento degli accordi tra i futuri azionisti di Stx France.

Bnp Paribas assiste Fincantieri come advisor finanziario. Bono ha ricordato di aver sempre voluto la presenza dello stato francese in Stx "che - ha aggiunto - ci lascia la gestione della società, riservandosi alcuni diritti". "La competizione deve essere fra Europa e resto del mondo", ha aggiunto Bono.

Spiega ancora Bono: "Il governo cinese ha approvato ieri la joint venture" che Fincantieri ha prospettato con il Cantiere Cssc, che è il primo produttore mondiale di navi con un fatturato di oltre 30 miliardi di dollari.

"L'Europa ha la necessità di consolidare la propria industria: la competizione al proprio interno nuoce all'Europa stessa".

E' quanto spiegato dall'AD Giuseppe Bono, ricordando che il parere non era vincolante e che si sta lavorando con lo Stato francese per la trasformazione dell'accordo raggiunto in aprile in patto parasociale.



Altre Notizie