blognotizie.info 29 Mag 2017


Corruzione: Palazzotto (Si), Crocetta e Vicari si dimettano

20 Mag 2017, 12:14 | Amalia D'elia

Corruzione, Simona Vicari indagata: "Forte appoggio a Morace"

Corruzione: indagata Simona Vicari

Ci auguriamo che tutti gli esponenti del governo regionale e nazionale coinvolti in questa inchiesta rassegnino le proprie dimissioni a partire dal presidente Crocetta e dalla sottosegretaria Vicari. "Simona Vicari - scrive il gip di Trapani - fa ottenere l'approvazione di un emendamento alla legge di Stabilità, che riduce da 10 al 5% l'imposta d'Iva per i mezzi veloci, causando un ammanco alle casse dello Stato pari a 7 milioni di euro".

"La politica deve assumersi la responsabilità nella selezione delle proprie classi dirigenti di fugare ogni sospetto - prosegue il parlamentare -, cosa che non è avvenuta nel caso delle elezioni di Trapani dove ben due dei candidati sindaco sono stati colpiti da misure restrittive".

L'Università di Palermo partecipa a "La notte europea dei musei"
Anche il Museo Checco Costa dell'Autodromo di Imola aderisce alla " Notte europea dei musei ". Info e prenotazioni: 0734 217140 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots.

Mazzette sui fondi riguardanti il trasporto marittimo. Tra i politici indagati, dunque, anche il governatore Rosario Crocetta che si è detto all'oscuro di tutto. I militari dell'Arma hanno eseguito controlli e sequestri anche nelle abitazioni e negli uffici del deputato regionale Fazio e dello stesso armatore di origini partenopee Morace. "A dicembre 2015 l'atto viene impugnato da Ustica Lines che già in avvio del procedimento - fa notare il dipendente pubblico - aveva reagito con veemenza interrompendo per alcuni giorni il servizio pubblico di collegamento con le isole minori Eolie e Egadi a lei affidato". Non sono mai salito in barca con Morace né con altri. "Apprendo queste notizie dai giornalisti, non so altro dell'inchiesta", replica Crocetta. Di Caterina è un componente dello staff del sottosegretario Simona Vicari, anche lei indagata. In campo due pesanti iniziative della Procura distrettuale antimafia di Palermo, indagini distinte che colpiscono i più accreditati alla carica di sindaco, Antonio D'Alì, senatore di Forza Italia, proposto per la sorveglianza speciale perché "socialmente pericoloso" e Mimmo Fazio, deputato regionale dal 2012, eletto in Forza Italia e poi passato al gruppo misto, dal 2001 al 2012 sindaco di Trapani, da oggi ai domiciliari per corruzione. Attraverso tale attività illecita, gli armatori Morace sarebbero riusciti ad incamerare importanti informazioni che confermavano i loro sospetti. Avrebbe ottenuto da Morace, tramite l'intercessione di Montalto, una liquidazione superiore a quello che le spettava dopo la fine del rapporto con "Siremar s.p.a.", società acquistata dall'armatore.



Altre Notizie